Studio Odontoiatrico Caputi

              via Cuma Licola 48

                                           Pozzuoli

                                            Napoli

Inviami un e-mail
 

Conservativa

Protesi mobile

Chirurgia        ed         implantologia

Protesi fissa

Endodonzia

Per odontoiatria restaurativa (o conservativa) si indica la branca dell'odontoiatria che si occupa della prevenzione e della terapia delle lesioni sia congenite che acquisite dei tessuti calcificati degli elementi dentali.

La protesi dentale è un manufatto utilizzato per rimpiazzare la dentatura originaria persa o compromessa per motivi funzionali e/o estetici.

Nei ponti l'elemento dentario estratto viene sostituito da una protesi che comprende anche gli elementi dentari adiacenti che vengono per questo ridotti a monconi e protesizzati anch'essi. L'elemento mancante assieme agli elementi pilastro(i monconi sui quali si appoggia) forma il ponte. Può essere totale cioè comprendere l'intera arcata (protesi a ponte circolare) o parziale comprendente due o più elementi.

L'implantologia si occupa della sostituzione di elementi dentali compromessi o già mancanti, con impianti in titanio attraverso un intervento chirurgico. Gli impianti di più recente concezione hanno generalmente una forma più o meno cilindrica con delle spire che hanno lo scopo di aumentarne la ritenzione primaria. A guarigione avvenuta (processo di osteointegrazione) è possibile alloggiare nell'impianto (invisibile in bocca) un moncone che viene utilizzato come sostegno per la protesi fissa o per la protesi rimovibile (contribuendo alla sua stabilità).

Come la conservativa si occupa delle lesioni dei denti, ma a livello pulpare all'interno degli stessi, dove risiedono le terminazioni nervose. Il suo scopo principale è la prevenzione e la cura della parodontite periapicale. Agisce quindi sullo svuotamento dei "canali" dei denti, sulla disinfezione e sagomatura dei canali e sul loro successivo riempimento con materiali appositi. Lo scopo è rendere impossibile la riproduzione dei batteri nei canali stessi, fallendo il quale scopo il dente è destinato a sviluppare un granuloma, che può acutizzarsi successivamente in un ascesso dentario. Una endodonzia (detta anche terapia canalare) è invece la terapia primaria per eliminare granulomi, e anche cisti (rilevabili con lastrine radiografiche endorali).

Ortodonzia

L'ortodonzia è quella particolare branca dell'odontoiatria che studia le diverse anomalie della costituzione, sviluppo e posizione dei denti e delle ossa mascellari; è attuata esclusivamente dagli odontoiatri e specialisti in ortognatodonzia. Essa ha lo scopo di prevenire, eliminare o attenuare tali anomalie mantenendo o riportando gli organi della masticazione e il profilo facciale nella posizione più corretta possibile.

La pratica ortodontica consiste sostanzialmente in due tipi di terapia che molto spesso sono consequenziali.

  1. *  Terapia chirurgica: si attua estraendo quei denti che ostacolano l'allineamento    e

     l'articolazione degli altri o la corretta posizione dento-facciale.

  1. *  Terapia meccanica: si attua mediante la costruzione di diversi tipi di apparecchi che

     potremo suddividere in:

  1. *  Apparecchi attivi: agiscono direttamente con la loro forza quando viene attivata (es.  

    apparecchi con viti, archi, molle ecc.)

  1. * Apparecchi passivi: sfruttano le forze masticatorie essendo di per sé inattivi (es. placca  

    vestibolare, piano inclinato, ecc.)

Parodontologia

Il termine malattia parodontale indica un gruppo di malattie che hanno inizio e rimangono confinate nel tessuto parodontale; la maggior parte sono lesioni infiammatorie causate da microorganismi che si accumulano nelle tasche gengivali. La terapia si basa sulla riabilitazione igienica orale domiciliare e professionale.